Dare e avere Amore

Dare e avere Amore

Per tutte le volte in cui sento persone dire di aver dato tanto per nulla…

Se diamo, diamo per amore.
E l’amore ha il valore che gli diamo.
Quando lo diamo, è perché lo senti-amo, altrimenti è una forzatura.

Nell’ambito di un universo infinitamente grande tutto torna, anche quando non sembra, da più fonti e non necessariamente quella che decidiamo noi nella nostra idea di amore. Spesso pretesa e convinzione.
Solo questione di tenere i sensi accesi e di ampliare il focus.
Abbondanza.

Buongiorno 💙

Special thanks to @colore_g #instagram for the pic

Alba e tramonto

Alba e tramonto

È un tramonto? No, forse è un’alba.
Che dici? Eppure a me piacciono entrambe, forse perché sono inscindibili e danno un senso di infinito.

Ci sono tante possibilità innanzi al dubbio sul come agire nella vita.

Spesso non ci diamo il permesso di vederle e la ragione è la paura di apportare un cambiamento, paura di deludere qualcuno, paura di affrontare un ostacolo, paura di…?

Diventare osservatori è un passo fondamentale del processo.

Incontrare la “vision” è frutto di un lavoro personale di ascolto profondo.

La decisione arriva poi in un click e ci rende liberi, liberando un flusso nuovo e di grande ricchezza.

Foto da web.

Anche se…

Anche se…

Quante volte in relazione vengono pronunciate frasi del tipo:

Ti amo “anche *se…”
Ti amo “anche **quando…”

Quanta differenza passa in un cambio di parola!

Quante condizioni!

Senza il bisogno di metterci l'”anche”, sarebbe davvero tutti i giorni Natale…

SaraMaite

Credits immagine: http://www.nanamicowdroy.com

Aspettative e progetti di vita

Aspettative e progetti di vita

“Aspettarsi” qualcosa da una situazione o da una persona ha più di una valenza.

Prima di tutto trovo che significhi “vivere un’idea”
e quando si tratta di un progetto di vita, di relazione, di qualunque genere esso sia, quell’idea diventa un obiettivo, dunque quell’aspettativa si pone come estremamente utile per il concretizzarsi del progetto stesso.

Quando quell’idea si converte in mancata visione della realtà, la musica cambia.
Vivere un’idea a volte diventa paragonabile al vivere in una bolla di sapone tutta nostra proiettata sull’esterno.

Capita spesso che non si vedano le situazioni (lavorative, relazionali … ) per quello che sono o che si parta in direzione della conoscenza di una persona guardandola per ciò che non è, ma per ciò che vorremmo che fosse.

Poi decidiamo a un certo punto che tutto è cambiato, ci svegliamo all’improvviso perchè il comportamento atteso è differente dal comportamento reale.

Forse non era mai stata conosciuta e vista veramente quella persona o quella situazione, semplicemente.
Avevamo solo bisogno di vedere ciò che ci serviva, illuderci, trascurando la realtà.

Nessun mostro, nessun cambiamento… solo una bolla di sapone creata da noi.

Ogni tanto accade.
Quante volte? Il nostro livello di presenza fa la differenza. La conoscenza di noi stessi e di come funzioniamo.

Che altro?

La luna piena a Pula (CA)
Maestra illusionista.

Love your Life

Sara ♥️

Il Tutto

Il Tutto

Tutto ciò che esiste è in me.

Esiste così come è, com’è stato e come sarà. Poiché io esisto, esiste in me, con tutto ciò che causa, senza distinzioni fra bene e male e fra meglio e peggio.

La domanda è: “Come mai talvolta mi sento inferiore di fronte agli altri e alle cose? Perché cerco di essere o di diventare migliore di essi? Perché mi ammalo invece di essere sano? Perché tento di liberarmi di qualcosa o di sfuggire a qualcosa? Posso, essendo unito a tutti in egual misura e un tutt’uno con loro, essere superiore o inferiore a loro, nonostante il punto d’arrivo sia sempre lo stesso?”

L’altra domanda è: “come posso tornare al tutto?”

Ci riusciamo con il corpo.

Recentemente ho sperimentato su me stesso che ciascuno dei miei denti dá voce a una persona a sé, una persona che sono stato e che continua a essere. Si fa ricordare in base a come si manifesta. Pretende di essere accettata come mia pari, comunque sia stata e continui a essere. Inoltre la incontro continuamente nelle altre persone, ben disposta o mal disposta nei miei confronti e io nei suoi.

La domanda è: “dove vuole arrivare questa persona? A quale persona mi voglio e mi devo rivolgere per diventare finalmente tutto?”

Devo rivolgermi a coloro che si sono separati da me e da cui mi sono separato, consapevolmente o inconsapevolmente, dal momento che già da tempo si sono sottratti alla mia attenzione e io alla loro, ma non all’attenzione del mio corpo e dei suoi sintomi.

Si manifestano irresistibilmente attraverso il mio corpo e i suoi sintomi.
Per questo prego i miei sintomi fisici, soprattutto quelli che mi accompagnano già da tempo:
“Vi prego mostratemi a chi si rivolge il vostro sguardo. Chi attende da tempo che anch’io lo guardi negli occhi, lo ritrovi e lo ami?”.

Tutto d’un tratto si manifestano innumerevoli persone, tutte vicinissime.
“Perché nel frattempo sono rimasto separato da loro, anche se sono una parte di me? Dov’erano? Ero solo una piccola parte di esse, presuntuoso e vuoto?”.

Sento le lacrime agli occhi. Lentamente avanzo a tentoni verso di esse, comunque siano state e continuino a essere in me. Pian piano le percepisco e sento che mi sfiorano, tutte loro. Ognuna di esse, comunque sia stata e, con esse, tutto di esse permeato e un tutt’uno con ognuna di loro.

Solo ora sento di vivere pienamente, un tutt’uno senza distinzione con qualcosa di essenziale.
Un tutt’uno completo e umile: un tutt’uno con amore.

(Verso nuovi spazi, B. Hellinger, 2013)

Amo questo pezzo, parla di tutti noi, indistintamente. Come Uno. Amore puro.

Sara

Contattami

Amare perfettamente

Amare perfettamente

Rileggo appunti su discorsi e scritti di Bert Hellinger e stasera mi imbatto in un post-it vecchio di qualche anno.

Amare perfettamente:

1. Volgi il tuo sguardo all’interno, mostrando a te stesso che ciò che non ti piace nel mondo alberga – in realtà – dentro di te.

2. Scavalcare tutti i meccanismi che dentro di te, nascondono ciò che non ami di te stess*

3. Restare al cospetto di quel certo aspetto che non ti piace di te senza più evitarlo, sino al giorno in cui sarà visto, integrato e amato.

Sara

Per consulenze: messaggiami al 3931159019

saramaitegirardi@gmail.com

http://www.facebook.com/sara.girardi.1970