Colpa colpa colpa… Ma di chi? Ma de che?

Colpa colpa colpa… Ma di chi?  Ma de che?

Non sono gli altri a toglierci la felicità, l’entusiasmo o la serenità (e chi più ne ha più ne metta), siamo prima di tutto noi a lasciare che questo accada.
Solo in casi veramente gravi accade, e se siamo preparati, resta una situazione gestibile, con i dovuti tempi.

È come noi decidiamo di gestire gli eventi, che fa la differenza.

Se è sempre colpa degli altri forse è perché noi non sappiamo trovare soluzioni adatte alla situazione da cui ci stiamo lasciando fagocitare.

Perché?
Ad esempio perchè siamo attaccati agli atteggiamenti e alle convinzioni apprese da qualcun altro,
tipo la famigerata bisnonna Abelarda sempre incazzata con tutti
… o il prozio Giangiulio che si lamentava giorno e notte della pesantezza della vita.

Finché invertiamo la responsabilità delle nostre emozioni e la imputiamo all’atteggiamento altrui, sarà sempre comodo crogiolarci nel lamento e mantenere alto il livello di sforzo ed entrare in distress.

*Nella foto: io che ieri cercavo la pace e il silenzio per poter studiare all’aperto e laggggente mi si siedeva accanto a frotte a far casino. #leggedimurphy
Soluzione personalizzata e per me sostenibile: auricolari con musica a palla, respiro e… Poi con calma, rido.
Obiettivo raggiunto, con o senza gente intorno.
Soddisfatta.

L’autocoaching in questi momenti è provvidenziale. Se “in auto” non sei capace, chiamami/scrivimi, che ti seguo volentieri.

http://www.saramaitegirardi.com

Bolle di sapone

Bolle di sapone

… E all’improvviso in quel lungo attimo di sospensione,
si creò un pensiero sempre più intenso,
tanto solido da quasi divenir materia.

A furia di resistere, stanco di tanta rigidità e apnea,
si rilassó respirando,
e accortosi di esistere solo nella separazione,
si annullò e si ricongiunse al tutto

SaraMaite

Immagine da web

Credere o vedere

Credere o vedere

Osserva ciò che è.


In qualunque momento del tuo percorso, avere fiducia nella vita è fondamentale ed è un’azione molto diversa dal credere che qualcosa o qualcuno sia diverso da ciò che esprime in modo concreto.


Occhi e cuore aperto.
Mente ferma.
Il focus ce lo metti tu, così come l’intento creativo.
Quando pensi a ciò che vuoi, pensalo come già fosse fatto, in bene e in amore.
Sempre.

SaraMaite

Immagine da web

Amour express

Amour express

Amore espresso, non represso, affidato al fluire del respiro. Che meraviglia è vivere nello stato di flow ❤️

Il fluire in un amore inclusivo, profumato, nutriente e corroborante. Come un canto che viene dal cuore…

Amore è darsi il permesso di cantare senza aver paura di stonare e aver accanto qualcuno che davanti alle nostre stonature non giudica ma sorride e canta con noi, o stona insieme a noi, accorgendoci di poterlo fare ancora una volta insieme fino a ritrovare l’armonia nel flusso.

Quelle stonature sono gli stimoli a crescere quando ci si è incontrati nella ferita reciproca, sono preziose.

Quando si entra in una relazione di coppia con il timore di cantare e di farsi un caffè insieme, di respirarne il profumo e di assaporarne le sfumature, l’ombra del passato è sempre presente, che lo si voglia o meno a livello cosciente.

Il blocco deriva sempre da eventi passati, mai dal futuro e… determina il futuro della relazione.

Quando ci si accorge di essere attratti da un “destino” precedente è bene guardarlo e dire: “tu appartieni al passato”. E insieme al nuovo/a partner possiamo dire: “Noi per noi”.

❤️ SaraMaite

Canzone con caffè consigliata: “Morena mia” di Miguel Bosè https://youtu.be/rDIfSaMXwNc

Immagini da web.

Anche se…

Anche se…

Quante volte in relazione vengono pronunciate frasi del tipo:

Ti amo “anche *se…”
Ti amo “anche **quando…”

Quanta differenza passa in un cambio di parola!

Quante condizioni!

Senza il bisogno di metterci l'”anche”, sarebbe davvero tutti i giorni Natale…

SaraMaite

Credits immagine: http://www.nanamicowdroy.com

Asciuga la paura

Asciuga la paura

Basterebbe restar nel cuore per lasciar andare ciò che è stato.

La mente intrisa delle acque del mare della paura, connette con i reni senza passare attraverso la purificazione del nostro fuoco interiore. Blocco, tremore, brivido, freddo.

Una volta asciugato l’eccesso la visione si ritrova ferma e centrata, pronta ad allinearsi ai tre plessi e a Vivere connessa a un nuovo Spirito.

Sara Maite

Credits immagine: Aykut Aydogdu

Nazca

Nazca

La visione dall’alto unita al wu wei, “l’affidarsi al flusso della vita”,
è un buon modo a mio avviso per sentirci un po’ più leggeri e un filino meno onnipotenti, abbassando i livelli di tensione e sofferenza.
Poiché sin da piccoli ci viene insegnato il controllo di ogni cosa – onnipotenza – ma non la capacità di consapevolizzare le situazioni e di ascoltare il nostro sentire più profondo.

Si passa un sacco di tempo a guardare a ciò che non si ha più e a ciò che è andato, cercando di riportarlo in vita.
Penso personalmente che la cosa più utile sia passare il giusto tempo a guardare bene dall’alto ciò che ci si sta lasciando alle spalle, per ringraziare ciò che è stato e per esser pronti a un nuovo disegno di vita.

In ogni ambito.
Nessuno escluso.

Www.saramaitegirardi.com

Messaggi d’amore

Messaggi d’amore

E la sua anima disse:
“Vai dove mi conduce il cuore e porta questo messaggio a chi amo”.
“Dille/gli che i suoi occhi sono le perle più belle che si siano mai incontrate sulla terra…”

Quando senti qualcosa di bello, trova il modo di esprimerlo, potresti “rischiare” di incontrare accoglienza e amore.

“E se poi te ne penti?” (cit).
Meglio un no originato dal coraggio della coerenza, che un limbo logorante governato dalla paura del rifiuto. Questo è ciò che io penso e dico a chi mi parla delle sue pene d’amor sospese.

Preferisci pentirti per aver espresso amore o per esserti fermato/a per paura?

Rendiamoci liberi: esprimiamo amore, paga sempre, poichè ci conduce a noi stessi.

Credits: image Christian Schloe

Sara ♥️

Aspettative e progetti di vita

Aspettative e progetti di vita

“Aspettarsi” qualcosa da una situazione o da una persona ha più di una valenza.

Prima di tutto trovo che significhi “vivere un’idea”
e quando si tratta di un progetto di vita, di relazione, di qualunque genere esso sia, quell’idea diventa un obiettivo, dunque quell’aspettativa si pone come estremamente utile per il concretizzarsi del progetto stesso.

Quando quell’idea si converte in mancata visione della realtà, la musica cambia.
Vivere un’idea a volte diventa paragonabile al vivere in una bolla di sapone tutta nostra proiettata sull’esterno.

Capita spesso che non si vedano le situazioni (lavorative, relazionali … ) per quello che sono o che si parta in direzione della conoscenza di una persona guardandola per ciò che non è, ma per ciò che vorremmo che fosse.

Poi decidiamo a un certo punto che tutto è cambiato, ci svegliamo all’improvviso perchè il comportamento atteso è differente dal comportamento reale.

Forse non era mai stata conosciuta e vista veramente quella persona o quella situazione, semplicemente.
Avevamo solo bisogno di vedere ciò che ci serviva, illuderci, trascurando la realtà.

Nessun mostro, nessun cambiamento… solo una bolla di sapone creata da noi.

Ogni tanto accade.
Quante volte? Il nostro livello di presenza fa la differenza. La conoscenza di noi stessi e di come funzioniamo.

Che altro?

La luna piena a Pula (CA)
Maestra illusionista.

Love your Life

Sara ♥️